All You Need
In One Single
Theme.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat
Fai la tua ricerca:
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone: Intervallo di confidenza
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone: Intervallo di confidenza
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone: Intervallo di confidenza

Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone: Intervallo di confidenza

La GC.AC di Monfalcone ospita una ventina di opere di Fabrizio Prevedello, Kristian Sturi e Michele Tajariol, tre dei più significativi scultori contemporanei italiani messi a confronto in una mostra a cura di Daniele Capra.
“Intervallo di confidenza” indaga le modalità attraverso cui si sviluppa la poetica di ciascun artista, grazie a strategie e processualità eterogenee caratterizzate dal continuo alternarsi della percezione del rischio e della fiducia in sé, in una costante tensione tra azioni ricorsive e nuovi approcci espressivi.
Le tre foto delle maschere di Michele Tajariol scelte come main visual per la promozione dell’evento si prestano a rappresentare in modo ottimale quello specifico momento in cui l’artista si trova a navigare a vista o ancor meglio al buio, non disponendo degli strumenti necessari per poter misurare e valutare le ricadute di ogni propria azione, nella ricerca di un’evoluzione che giustifichi e valorizzi l’espressione artistica. Il type design impiegato, con la sua accentuata esposizione delle scomposizioni e spaziature, sottolinea ed integra il concetto di sospensione – centrale rispetto al tema della mostra – dove il dubbio sistematico che porta ad una nuova opera è moderato dalla confidenza nei propri mezzi. Un’analisi dell’attività artistica che si proietta, dunque, per prossimità, nel graphic design che la promuove.
La mostra è corredata, come nelle precedenti occasioni, da una serie di materiali stampati, tra i quali un catalogo che accoglie le immagini dell’allestimento effettuato in Galleria e delle opere originali, in un’impostazione che efficacemente ripropone la tensione tra il divenire artistico e quello espositivo e comunicativo.

Vedi gli altri lavori realizzati per la Galleria:
> Se una notte d’inverno
> No Place to Hide
> David Tremlett
> Un lustro di arte contemporanea
> Videoreport e oltre
> L’immagine sottile

Category

Adv, Print

1
SHARE